Ossigenoterapia > Modalità di acceso al servizio

L’O.T.I.P. è un Istituto di Medicina Iperbarica privato autorizzato all’esercizio di prestazioni di ossigenoterapia iperbarica rispondente agli standard di sicurezza richiesti dal Ministero della Sanità.

Prima di iniziare il ciclo di ossigenoterapia iperbarica, il paziente, già in possesso della richiesta di un medico specialista di una struttura sanitaria pubblica (Ospedale, ASL), è visitato dal personale medico del centro, per stabilire l’idoneità o individuare le eventuali controindicazioni al trattamento iperbarico: al tal fine, e per una valutazione più completa, può anche essere richiesto al paziente di eseguire degli esami specifici.
Contestualmente a tale fase, il medico addetto alla visita provvede ad aprire la cartella clinica e a fornire al paziente le informazioni necessarie circa il comportamento da tenere durante il trattamento.

Il paziente privato (ovvero non proveniente da strutture sanitarie pubbliche) paga al termine del ciclo di trattamento o durante lo stesso e solo successivamente, concluso il ciclo, potrà richiedere il rimborso all’ASL di competenza (nel rispetto delle normative vigenti), non essendo il centro accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale.

Il rimborso sarà effettuato dall’ASL di residenza del paziente sottoposto al trattamento, previa presentazione della seguente documentazione:

1. richiesta da parte di un medico specialista di una struttura pubblica (Ospedale, ASL), con data antecedente l’inizio del trattamento,

2. fattura e una copia della cartella clinica con allegato la scheda dei trattamenti effettuati dal paziente, rilasciate dalla segreteria dell’O.T.I.P..


Le tariffe delle prestazioni sono applicate in conformità al tariffario regionale del D.G.R. 73-13176 del 26-07-2004 che prevede il rimborso per le seguenti patologie:
  • gangrena gassosa da germi anaerobi
  • lesioni radionecrotiche - osteoradionecrosi e radionecrosi dei tessuti molli
  • ischemia traumatica acuta e sindrome da schiacciamento
  • osteomielite refrattaria cronica
  • innesti cutanei e lembi muscolocutanei a vascolarizzazione compromessa.

La prima visita medica, le eventuali visite di controllo e le medicazioni, a pagamento, non sono comprese nella tariffa del trattamento iperbarico e non rientreranno quindi nella pratica di rimborso, fermo restando la possibilità di scaricare l’intero importo in sede di dichiarazione dei redditi.